Per ogni genere di informazioni in merito ai tuoi ordini ==> ASSISTENZA CLIENTI CONTATTACI

Benvenuti!

Risarcimento danno Pensioni Militari/Previdenza Complementare- Ricorso T.A.R. - mancata attuazione riforma Dini l. 335/1995


Sideweb


- Ricorso risarcimento Danni Mancato avvio previdenza complementare - personale militare - 



il costo di adesione sarà:


- Euro 90,00 per coloro che aderiscono fornendo uno o più  indirizzi di posta elettronica certificata (P.E.C.) per le comunicazioni relative al ricorso (COMUNICAZIONI CON PEC)


- Euro 150,00 per coloro che aderiscono  senza indirizzo p.e.c. (COMUNICAZIONI CON SMS-SOCIAL WHATSAPP - TELEGRAM)


(coloro che hanno già aderito ai nostri precedenti ricorsi pensione "Per una pensione dignitosa" possono aderire anche a questo ricorso a costo ridotto Euro 50/80   accedendo al seguent link SEGUENTE LINK  )


Per aderire seguire le seguenti istruzioni: 


1) se non sei già registrato devi registrarti collegandoti al seguente link https://www.sideweb.it/customer/account/login/ e quindi effettua il login area clienti


2) torna a questa pagina del ricorso e clicca su aggiungi a carrello seguendo la procedura che ti verrà indicata


3) al termine della procedura di pagamento riceverete entro  1-2 giorni una email contenente le istruzioni e i documenti da inviare alla Sideweb


 

Disponibilità: Disponibile

90,00 €

Acquistare mai così semplice, segui questi semplici passi:

1

Aggiungi il prodotto al carrello...

2

Rivedi il carrello e procedi, poi compila con i tuoi dati

3

Inserisci il tuo ordine cliccando sul tasto "Procedi con L'acquisto".

4

Finalizza il tuo ordine con il tipo di pagamento scelto


Metodi di pagamento

Descrizione

Dettagli

 

LE RAGIONI DEL RICORSO

Nel 1995 la legge 335 ha modificato sistema di calcolo della pensione introducendo il metodo contributivo per tutti coloro che alla data del 31 dicembre del '95 avevano un'età un'anzianità contributiva utile inferiore a 18 anni. Per questi soggetti il calcolo della pensione da quella data sarebbe avvenuto con il metodo misto oppure solo contributivo per quelli che si sono arruolati successivamente al 31 dicembre 95. La legge prevedeva tuttavia anche l'istituzione di una previdenza complementare con dei fondi pensione che avrebbero dovuto integrare il meno vantaggioso trattamento pensionistico elargito dallo Stato. La previdenza complementare per il personale militare non è mai partita, dove siamo state pronunce dei giudici amministrativi che obbligavano l'amministrazione hard concludere il procedimento concertativo ovvero negoziale.

La Corte dei Conti di Bari n. 207 del 18 maggio 2020 si è espressa stabilendo un risarcimento danno quantificato nel rendimento che avrebbero avuto i fondi pensione qualora fossero stati avviati.

Ebbene questa pronuncia ha aperto la strada ad una nuova prospettiva processuale.

Se per un verso la giurisprudenza sta dimostrando riserve in merito all’applicazione del sistema retributivo fino alla partenza dei fondi pensione, alimentando dubbi in tema di giurisdizione che rendono incerto il proseguimento del giudizio, per l’altro verso il tema esclusivamente risarcitorio si rivela essere quello che offre maggiori garanzie con particolare riguardo all’accoglimento e all’ammissibilità al conflitto di giurisdizione.

Riteniamo, tuttavia, che il ricorso debba essere proposto sempre al Tribunale Amministrativo e non presso la corte dei Conti per le seguenti ragioni:

●            in primo luogo la sentenza si discosta dalla prevalenza delle altre Sedi territoriali della Corte dei Conti le quali hanno più volte ribadito, in tema specifico risarcitorio, la giurisdizione del Giudice Amministrativo (1);

●            Il codice del processo amministrativo prevede esplicitamente l’azione di risarcimento danno in capo al Giudice Amministrativo per il mancato esercizio di un’attività amministrativa obbligatoria (avvio previdenza complementare), ciò ai sensi dell’art. 30 del codice del processo amministrativo - D.lgs.104/2010.

●            la Corte di Cassazione Civile Sezioni Unite si è espressa sulla giurisdizione del Giudice Amministrativo in tema di contribuzione del lavoratore e previdenza complementare (2);

●            la sentenza della Corte dei Conti di Bari si riferisce ad un militare che aveva chiesto il transito dal sistema misto a quello interamente contributivo, con le conseguenze connesse con l’applicazione del TFR in luogo della molto più vantaggiosa Buonuscita oggi riconosciuta a tutti i militari (le differenze possono arrivare a qualche decina di migliaia di euro)

Con riferimento all’ultimo punto ora citato, giova chiarire che il passaggio al TFR rappresenta (a fondi avviati) una opzione volontaria del militare condizionata al passaggio al regime interamente contributivo, e la sentenza della Corte dei Conti ora menzionata, ha come presupposto di fatto proprio l’esercizio di questa opzione da parte del ricorrente.

A nostro avviso, pertanto, perseguendo la strada del ricorso alla corte dei conti con i presupposti di fatto della sentenza sopra esposta, oltre alle limitate aspettative connesse con il valore isolato della menzionata sentenza, anche un eventuale accoglimento si potrebbe creare una condizione di incertezza/penalizzazione giuridica sia con riguardo alla giurisdizione sia nel caso in cui dovesse essere avviata la previdenza complementare nelle forze armate (si ricorda che il ricorrente alla Corte dei Conti aveva chiesto di esercitare l’opzione per l’intero contributivo). L’eventuale valore risarcitorio nei termini stabiliti dalla menzionata sentenza, dunque, non compenserebbe i notevoli svantaggi economici conseguenti all’esercizio di opzione al regime contributivo o al TFR.

A fine di evitare questioni di inammissibilità ovvero di giurisdizione, il ricorso, diversamente da iniziative analoghe comunicate dai nostri utenti, è stato appositamente studiato sul danno conseguente alla parziale applicazione della riforma del ’95, con riferimento non solo al danno conseguente al mancato avvio della previdenza complementare a altresì a quello derivante da un maggiore carico contributivo che in concreto ha causato delle diminuzioni stipendiali.

Si persegue, pertanto, il risultato di ottenere un risarcimento danno senza indurre i ricorrenti a esercitare oggi il diritto di opzione per il sistema interamente contributivo ovvero per il Trattamento di Fine Rapporto, in luogo della più conveniente Indennità di Buonuscita, alternativa che i ricorrenti saranno liberi di esercitare in caso di successivo avvio della previdenza complementare.

Per quanto attiene il valore del risarcimento, esso varia di persona in persona a seconda dell’anzianità di servizio, riteniamo che potrà essere quantificato in via equitativa dal giudice con riferimento alla maggiorazione contributiva subita dai militari in seguito all’applicazione (solo parziale) della riforma delle pensioni del 1995 e gli ulteriori benefici previsti dalle leggi relative alla previdenza complementare.

 

CHI PUO’ ADERIRE AL RICORSO

possono aderire al ricorso i seguenti soggetti che al 31/12/1995 avevano meno di 18 anni utili alla pensione e gli arruolati a partire dal 01/01/1996:

- militari in servizio delle Forze Armate (inclusa Arma dei Carabinieri) - minimo 50 adesioni -

- militari in servizio della Guardia di Finanza - minimo 50 adesioni -

- militari in pensione da non oltre 4 anni e 6 mesi (verranno inseriti nei ricorsi del personale in servizio con relativo numero minimo di adesioni)

 

 

 

 

 

(1).  Corte dei Conti Marche 2-5/2019 Lombardia 39/2018, Molise 46/2018, Abbruzzo 66/2018, Lombardia 95/2018, Friuli Venezia Giulia 39/2018, Sardegna 169/2017, Toscana 148/2009, Puglia 349/2017, Sez. Appello I, n. 226/2013  e n. 159/2011.

”… gli asseriti danni consequenziali al mancato tempestivo avvio (o alla mancata conclusione) delle procedure in questione, non possono che essere di competenza del giudice amministrativo medesimo (ex artt. 7, comma 4, 30, 34, comma 1, lett. c, 112, comma 3, 133, comma 1, lett a, n. 1 del codice del processo amministrativo di cui al decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104), al quale soltanto spetta valutare se il danno in parola sussista effettivamente e se esso sia da porre in relazione causale con l’azione amministrativa o, comunque, con una responsabilità dello Stato (in termini sez. Abruzzo n. 40/2017 e sez. Lombardia n. 95/2018)”

(2) Cass. civ. Sez. Unite, Sent., (ud. 29/09/2009) 12-10-2009, n. 21554

"... Afini della giurisdizione non è sufficiente la natura latamente previdenziale della prestazione richiesta, ma occorre altresì che tale prestazione sia dovuta da un ente preposto alla previdenza obbligatoria nell'ambito di un rapporto (previdenziale, appunto) che trovi fonte esclusiva nella legge e abbia causa, soggetti e contenuto diversi rispetto al rapporto di lavoro, il quale a sua volta si ponga rispetto al rapporto previdenziale come mero presupposto di fatto e non come momento genetico del diritto alla prestazione. Ove sussistano questi requisiti, vi è la giurisdizione del giudice ordinario anche quando il lavoratore sia un pubblico impiegato, salvo beninteso il caso di giurisdizione della Corte dei Conti. Ben diverso è il caso in cui la prestazione di contenuto genericamente previdenziale sia dovuta al lavoratore come prestazione del datore di lavoro nell'ambito di una forma di previdenza interna a carattere aziendale, anche se il fondo all'uopo costituito sia alimentato dai contributi a carico anche dei lavoratori. Ed infatti le somme in tal modo raccolte appartengono ai soggetti del rapporto di lavoro e costituiscono l'accantonamento di una parte della retribuzione a fini previdenziali (così realizzandosi, ma per il tramite della retribuzione, la funzione previdenziale di cui all'art. 38 Cost.), ed hanno perciò natura del tutto diversa da quella assunta dai contributi previdenziali obbligatori“… La stretta inerenza sostanziale al rapporto di impiego, tale che la contribuzione non è altro che una parte della prestazione retributiva, si riflette sulla determinazione della giurisdizione, nel senso che le relative controversie sono devolute al giudice del rapporto, e quindi al giudice amministrativo …”

 

Pagamenti e Spedizioni

Informazioni Pagamenti e Spedizioni

Condizioni valide solo per prodotti e servizi Sideweb

(per le CONVENZIONI i costi e i tempi dei servizi sono stabiliti dai partner commerciali vedi condizioni modulo contatti)-



Le modalità di pagamento dei servizi e prodotti Sideweb sono le seguenti:

1

Carta di credito
Carte di credito

2

Bonifico bancario

3

Conto corrente postale


Nota informativa:

il pagamento con carta di credito è immediato e riduce i tempi di accesso ai servizi o di spedizione dei prodotti Il pagamento con bonifico bancario o conto corrente postale ha tempi più lungi un quanto l’accesso ai servizi o la spedizione dei prodotti avverrà solo dopo che Sideweb avrà ricevuto vie e-mail la prova del versamento e avrà provveduto alla verifica della medesima.


 

I tempi di spedizione e accesso ai servizi sono i seguenti:

a

Tempi di accesso al servizio
preventivo consulenza scritta (*) :

  • 3-15 giorni lavorativi per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-15 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

b

Tempi di accesso al servizio
consulenza scritta (*):

  • 15-30 giorni lavorativi dal giorno dell’accettazione preventivo per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 15-30 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

c

Tempi di accesso al servizio
consulenza telefonica CALL ONE (*):

  • 3-7 giorni lavorativi dal giorno dell’accettazione preventivo per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-7 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

d

Tempi di accesso al servizio
consulenza telefonica NO LIMITS (*):

  • 3-7 giorni lavorativi dal giorno dell’accettazione preventivo per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-7 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

e

Tempi di spedizione
libri formato elettronico (*):

  • Download immediato dopo l’acquisto per le versioni PDF per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 2-3 giorni lavorativi (invio via e-mail) per le versioni EPUB per pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 2-3 giorni lavorativi (invio via e-mail) da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

f

Tempi di spedizioni
libri formato cartaceo (*):

  • 3-7 giorni lavorativi per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-7 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

g

Tempi di spedizione
pen drive USB slim – Banca dati Normativa – (*):

  • 3-7 giorni lavorativi per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-7 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

h

Tempi di accesso al servizio
PERENZIONE e RICORSI:

  • Per il servizio perenzione vedi le condizioni particolari riportate nelle condizioni generali del contrato vedi termini e condizioni voce perenzioni e voce ricorsi.

(*) NOTA INFORMATIVA:per i tempi di accesso alle consulenze scritte e telefoniche vedere le condizioni generali del servizio. Per i prodotti editoriali soggetti a consegna i tempi possono subire un differimento nei casi in cui è in corso una revisione e aggiornamento delle pubblicazioni ovvero nei periodi festivi.