Per ogni genere di informazioni in merito ai tuoi ordini ==> ASSISTENZA CLIENTI CONTATTACI

Benvenuti!

PERSONALE IN SERVIZIO - Ricorso per il riconoscimento del diritto a una pensione dignitosa - Nuovi ricorrenti - SCADENZA 30 GIUGNO 2017

Ricorso collettivo per il personale in serivio delle forze armate


Possono aderire i militari delle Forze Armate e della Guardia di Finanza in servizio permanente, Ufficiali (inclusi i dirigenti e gli omogeneizzati), Sottufficiali e Volontari che sono in possesso di uno dei seguenti requisiti:



  • Anzianità contributiva (servizio anni effettivi + anni figurativi) inferiore a 18 anni alla data del 31/12/1995 (personale assoggettato al sistema previdenziale misto - retributivo/contributivo -);

  • Militari assunti a partire dalla data del 01/01/1996 (personale assoggettato interamente al sistema previdenziale contributivo).


Il costo base di adesione è di euro 60,00 prevede che le comunicazioni dello Studio legale o della Sideweb relative allo stato del ricorso (data udienza, perenzione, sentenza, eventuale appello e ogni altra comunicazione di interesse del ricorrente) vengano effettuale in via esclusiva attraerso la e-mail e via sms ai recapiti forntiti al momento dell'adesione.


Il ricorrente in ogni caso potrà tenersi aggiornato sullo stato del ricorso accedendo all'area riservata con le sue credenziali di accesso e modifiare/aggiornare automaticamente i propri recapiti e-mail ed sms.


Coloro che preferiscono invece essere informati con posta ordinaria a mezzo raccomandata dovranno spuntare l'apposito checkbox sotto riportato e pagare il supplemento di adesione. Per tale modialità di comunicazione il costo totale del ricorso è pari a Euro 130,00.


Ricorsi anni 2008-2011


Per coloro che hanno già aderito allo stesso ricorso nelle raccolte Sideweb degli anni precedenti vedi punto 6 della descrizione sottoriportata.

Disponibilità: Disponibile

60,00 €

Acquistare mai così semplice, segui questi semplici passi:

1

Aggiungi il prodotto al carrello...

2

Rivedi il carrello e procedi, poi compila con i tuoi dati

3

Inserisci il tuo ordine cliccando sul tasto "Procedi con L'acquisto".

4

Finalizza il tuo ordine con il tipo di pagamento scelto


Metodi di pagamento

Descrizione

Dettagli

RICORSO COLLETTIVO PER IL DIRITTO AD UNA PENSIONE DIGNITOSA

(per coloro che hanno già partecipato alle precenti raccolte Sideweb anni 2008-2011  vedi punto n. 06)

 

Un problema che deve essere affrontato oggi soprattutto da giovani e meno giovani

che sono assoggettati al sistema pensionistico contributivo

o misto (contributivo/retributivo)

 

1. UN RICORSO PER IL DIRITTO AD UNA PENSIONE DIGNITOSA

Un problema che deve essere affrontato oggi soprattutto da giovani e meno giovani che sono assoggettati al sistema pensionistico contributivo o misto (contributivo/retributivo)

 Come noto la Sideweb negli anni passati aveva organizzato una ricorso finalizzato al riconoscimento del diritto al mantenimento del sistema pensionistico retributivo fino al momento in cui sarebbero stati costituiti i fondi integrativi pensione per i militari.

 Infatti le riforme del 1995-1997 avevano imposto anche ai militari il passaggio al sistema contributivo (per gli assunti dal 1996) o misto pro-quota (per coloro che erano già in servizio al 31/12/1995), dando luogo ad una pesante ed ingiustificata sperequazione, in quanto la drastica diminuzione del trattamento pensionistico non è stata compensata dall'istituzione dei fondi integrativi pensione.

 Successivamente, dal 01 gennaio 2012 il legislatore ha  introdotto per tutti i lavoratori, anche coloro che al 31/12/1995 avevano più di 18 anni, il sistema contributivo, anche se per tali soggetti la parte prevalente della pensione sarà in ogni caso calcolata con il più favorevole metodo retributivo.

 I ricorsi già presentati sono tutt'ora pendenti e lo studio legale da tempo ha provveduto a sollecitarne la trattazione.

 Tali ricorsi sono stati inoltre oggetto delle procedura di perenzione che ha comportato per i ricorrenti la presentazione di una nuova istanza di fissazione udienza al fine di evitare l'estinzione del giudizio.

 Purtroppo molti ricorrenti per varie ragioni non sono riusciti a partecipare alla procedura finalizzata ad evitare la perenzione e sono rimasti esclusi dai ricorsi a cui avevano aderito.

 Nel frattempo molti militari che non avevano aderito al nostro ricorso ci hanno chiesto di organizzare una nuova raccolta per permettere l'adesione anche a coloro che non erano stati informati sulla raccolta che si è conclusa.

 Per tali ragioni la Sideweb ha deciso di promuovere un nuovo ricorso collettivo finalizzato al riconoscimento di una pensione che consenta di condurre una vita dignitosa, sufficiente a proseguire il tenore di vita che verrà raggiunto al momento del collocamento in pensione, sulla base del fatto che malgrado tutti gli anni trascorsi non sono mai stati costituiti i fondi pensione che avrebbero dovuto compensare la perdita derivante dall'applicazione delle riforme.

 Effettivamente le riforme pensionistiche degli ultimi anni hanno stravolto tutte le prospettive future delle nuove generazioni creando delle forti ingiustizie rispetto a talune categorie di lavoratori alle quali non è stata data la possibilità di integrare con un fondo privato la ridotta pensione che verrà corrisposta dallo stato (talune previsioni per soggetti più giovani specificano che la percentuale della pensione pubblica non supererà il 50 % dello stipendio).

Al personale militare sta proprio accadendo quanto appena descritto.

Infatti, questa categoria di lavoratori, a causa dei ritardi legislativi e regolamentari, a 20 anni dall’entrata in vigore della legge che ha stabilito il cambiamento del sistema previdenziale da “retributivo” a “contributivo” (legge 335/95), è ancora in attesa dell’istituzione dei “fondi pensione integrativa” e sta subendo, così, una INACCETTABILE DISCRIMINAZIONE rispetto alle altre categorie di lavoratori che, già da diversi anni, hanno avuto la possibilità di costruirsi una pensione integrativa.  

 In particolare, i militari interessati sono quelli che alla data del 31/12/1995 avevano un’anzianità contributiva inferiore a 18 anni e tutti quelli assunti dal 01/01/1996.

 Per i primi si applicherà il calcolo “misto” di pensione, ossia una piccola parte verrà calcolata con il vecchio sistema retributivo (che è più favorevole), ma la parte prevalente del loro trattamento pensionistico sarà effettuata sulla base “contributiva” ovvero con quelle previsioni che possono anche non superare il 50% dello stipendio.

Per i secondi, assunti dal 01/01/1996, il calcolo sarà effettuato interamente con il metodo contributivo e la penalizzazione appena vista interesserà addirittura l’intero ammontare della pensione.

 Per ambedue i soggetti, quindi, la Sideweb ha organizzato un Ricorso Collettivo, studiato ed organizzato esclusivamente per il personale militare.

2. LE RAGIONI DEL RICORSO

 Prima di esporre le ragioni sulle quali è fondato il ricorso riteniamo opportuno fare una breve esposizione sulle riforme previdenziali che hanno caratterizzato gli ultimi anni.

 La legge 335/1995 ha dato una svolta radicale al sistema previdenziale unificando le discipline che regolavano in modo diverso il regime contributivo e pensionistico dei diversi settori lavorativi.

La riforma attuata dalla legge ora citata ha stabilito inoltre il passaggio da un sistema pensionistico basato sul metodo “retributivo” ad un sistema riferito ai “contributi” effettivamente versati dai lavoratori, anche se l’effettiva portata innovativa della legge è stata quella di agganciare il trattamento previdenziale al prodotto interno lordo ovvero all’andamento economico dello Stato.

 Evidentemente il vecchio sistema - quello retributivo - era molto più conveniente in quanto consentiva al lavoratore di congedarsi con un trattamento pensionistico calcolato sulla base delle retribuzioni percepite in servizio e, quindi, di valore prossimo all’ultimo stipendio. Con questo meccanismo, infatti, non vi era alcuna corrispondenza con i contributi versati, e il trattamento pensionistico che veniva sostenuto dallo Stato anche per la parte eccedente il maturato effettivo.

 La riforma ha così sostituito tale sistema con quello “contributivo” (c.d. attuariale-statistico) che ricollega invece la pensione ai contributi effettivamente versati e ad altri fattori variabili nel tempo, diminuendo così in modo radicale l’impegno finanziario precedentemente sostenuto dallo Stato.

 In particolare, il montante contributivo individuale annuale derivante dai contributi versati  dai lavoratori e dallo Stato (per un complessivo 33% del trattamento economico per i lavoratori dipendenti) viene rivalutato su base composta al 31 dicembre di ciascun anno al tasso di capitalizzazione dato dalla variazione media quinquennale del prodotto interno lordo (in pratica è legato all’andamento dello Stato e dell’economia nazionale). Anno per anno il montante si rivaluta fino ad arrivare al giorno della pensione. Il montante dato dalla somma di tutti gli accantonamenti annuali (che, è opportuno precisare, è solo virtuale) viene a questo punto moltiplicato per un “coefficiente di trasformazione” variabile in base all’età anagrafica (i coefficienti sono soggetti a revisione ogni tre anni e sono determinati sulla base dell’andamento demografico, delle aspettative di vita dei lavoratori e del P.I.L.). Il risultato corrisponde alla pensione annua lorda che verrà corrisposta al lavoratore.

 Il sistema contributivo, pertanto, produce nei confronti degli utenti lo svantaggio di ridurre notevolmente il valore della pensione che verrà percepita e quindi, di fatto, impedisce ai lavoratori di mantenere nel momento in cui andranno in pensione il tenore di vita raggiunto nel corso della vita lavorativa. Inoltre, i coefficienti di trasformazione variabili in base all’età anagrafica (57- 65 anni) sono determinati da una formula complessa che tiene conto anche dell’andamento demografico, dell’aspettativa di vita e del prodotto interno lordo di lungo periodo, introducendo così nel calcolo della pensione un fattore di incertezza che provoca maggiori insicurezze su quello che dovrà essere il rendimento effettivo della pensione erogata dallo Stato.

 Per quanto sopra, autorevoli istituzioni hanno affermato che il valore della pensione statale per i soggetti interamente trattati con il regime contributivo potrebbe non superare il 50 % dell’ultimo trattamento economico percepito in servizio, mentre varia la percentuale per coloro che appartengono al sistema misto, ancorché anche per tali soggetti il valore, non riuscirà in ogni caso ad eguagliare il trattamento stipendiale.

 Tra l’altro, nel dicembre del 2007, il legislatore ha ulteriormente peggiorato tale situazione. Infatti, la legge 247/2007 ed ulteriori interventi successivi hanno diminuito il valore dei coefficienti, riducendo nei fatti la pensione pubblica che sarà ancora più bassa rispetto ai valori risultanti dalle previsioni iniziali.

Deve infine essere evidenziato che a seguito di numerosi ricorsi proposti dai militari, il governo è stato costretto ad avviare la procedura di consultazione per la costituzione dei fondi pensione, tuttavia il procedimento è stato sospeso e non esiste alcuna fonte normativa che obblighi il governo a concluderlo o che definisca delle scadenze vincolanti.

3. I FONDI PENSIONE INTEGRATIVA

 Il legislatore, consapevole di questo effetto e delle gravi conseguenze che si sarebbero determinate sul piano sociale, ha invero previsto un meccanismo finalizzato ad integrare la pensione pagata dallo Stato con il sistema contributivo, favorendo la nascita di “pensioni private”, finanziate dai lavoratori, dai datori di lavoro e dallo Stato attraverso delle agevolazioni fiscali e contributive.

Da qui la nascita dei “fondi pensione integrativa” che possono essere di diversi tipi: da quelli negoziali, basati sull’accordo sindacati e datori di lavoro, a quelli costituiti da apposite società, assicurazioni ovvero istituti di credito.

Il problema connesso con i fondi pensione è principalmente quello del loro rendimento e della loro affidabilità, oltre a quello del finanziamento. La previdenza complementare è quindi basata su un sistema a capitalizzazione composta dove per ogni iscritto viene aperto un conto individuale sul quale vengono versati i contributi. A tasso di rendimento costante è il tempo che fa la differenza. Gli effetti della capitalizzazione infatti si riscontrano con un meccanismo esponenziale rispetto al tempo. Più lungo è il periodo e più elevata sarà la crescita degli interessi. Va tuttavia detto che il rendimento non è costante in quanto varia in relazione all’andamento dei mercati e alle scelte gestionali del fondo.

4. LO SPARTIACQUE DEI 18 ANNI AL 31/12/1995

 Il legislatore era inoltre consapevole che il passaggio dal nuovo al vecchio sistema avrebbe avuto dei considerevoli costi sociali, al punto che i lavoratori di una certa anzianità non sarebbero nemmeno riusciti a costruirsi una pensione integrativa sufficiente a compensare la riduzione causata dal passaggio dal “sistema retributivo” al “sistema contributivo”.

 Anche per tale ragione ha distinto i lavoratori in base all’anzianità contributiva, individuando coloro che saranno esclusi dal nuovo sistema e che avranno quindi una pensione calcolata con il vecchio regime previdenziale ovvero quello “retributivo”.

 In particolare la legge 335/1995 ha stabilito quanto segue:

 I lavoratori che alla data del 31/12/1995 avevano già maturato 18 anni contributivi (anni effettivi + figurativi) mantengono il sistema retributivo e quindi la pensione è calcolata sulla base delle ultime retribuzioni.

  1. I lavoratori che alla data del 31/12/1995 avevano maturato meno di 18 anni avranno una pensione calcolata con due sistemi: quello “retributivo” per gli anni contributivi maturati fino al 31/12/1995, e quello “contributivo” per gli anni contributivi maturati dopo quella data e fino al momento del collocamento in pensione; questi lavoratori subiscono una forte penalizzazione in quanto una grossa parte o, per i più giovani, la parte prevalente, viene calcolata con il sistema contributivo.
  2. I lavoratori assunti a partire dal 01/01//1996 ai quali si applica interamente il sistema contributivo e quindi subiscono le penalizzazioni più forti.

  Una delle ragioni poste a fondamento di questa distinzione è stata quindi anche quella che ha tenuto conto dell’impossibilità per i lavoratori più anziani di avere il tempo sufficiente a costruirsi una pensione integrativa utile ad integrare la pensione pagata dallo Stato. E ciò perché la pensione integrativa è fondamentalmente basata sui contributi versati, che sono limitati poiché principalmente si finanziano con le risorse stipendiali che prima erano destinate al T.F.R. Inoltre, il rendimento dei contributi versati è condizionato oltre che dal loro ammontare anche dalla durata del versamento e quindi dalla loro capitalizzazione. Più lungo è il periodo di versamento, maggiori saranno le probabilità che essi rendano adeguatamente, cioè in modo sufficiente a determinare una pensione integrativa adeguata al mantenimento del tenore di vita raggiunto in servizio (sugli effetti esponenziali della capitalizzazione dei fondi vedi precedente punto 3).

5. PER I MILITARI UNA RIFORMA INCOMPLETA E SPEREQUATIVA

 La legge 335/1995, unitamente ad altri provvedimenti legislativi emanati dal Parlamento, oltre allo sviluppo di “fondi integrativi” aveva previsto anche dei meccanismi finalizzati ad incentivare la scelta dei lavoratori al passaggio a tali fondi.

 Già prima della legge era consentito ad alcune categorie di lavoratori di scegliere una forma integrativa, consentendo di trasferire anche parzialmente il trattamento di fine rapporto (T.F.R./T.F,.S.) maturato nei fondi prescelti, determinando quindi una base di partenza utile ad assicurare un rendimento minimo che sarebbe poi stata incrementata con i successivi versamenti contributivi.

 Molti lavoratori, infatti, già da diversi anni hanno avuto la possibilità di optare per i fondi integrativi, godendo peraltro delle agevolazioni fiscali e contributive che erano state previste per incentivare il passaggio, inclusa l’attribuzione parziale o totale del T.F.R/T.F.S.

Al personale militare invece queste possibilità sono state negate.

 Si sono create così delle sperequazioni non solo rispetto alle altre categorie di lavoratori, ma anche tra militari stessi, in quanto per coloro che avevano almeno 18 anni di contributi alla data del  31/12/1995 rimane il sistema pensionistico basato sulla retribuzione.

 Infatti, se fra le principali ragioni dello spartiacque vi era l’impossibilità per i lavoratori più anziani di avere il tempo necessario a far rendere adeguatamente i contributi versanti nel fondo pensione, è altresì vero che i militari che alla data del 31/12/1995 avevano un’anzianità inferiore ai 18 anni o che sono stati assunti dal 01/01/1996 si trovano oggi nella la stessa situazione.

Questi soggetti dovevano avere la possibilità di optare per i fondi integrativi, trasformando in primo luogo la buonuscita in T.F.R./T.F.S. e quindi versando i corrispondenti contributi nei fondi negoziali al fine di ottenere una adeguata pensione integrativa.

 Tuttavia, i ritardi normativi e la carenza di finanziamenti pubblici hanno impedito fino ad oggi l’avvio della previdenza complementare per il personale militare. Va evidenziato a tal riguardo che, a differenza del settore privato, per i lavoratori pubblici non esiste un accantonamento effettivo della buonuscita ma esso è solo virtuale, anche per le diverse regole che disciplinano questo istituto, quindi la partenza dei fondi deve essere finanziata dallo Stato ovvero dagli Enti Previdenziali.

Inoltre, a nostro avviso, il personale militare avrebbe dovuto avere una maggiore attenzione da parte del legislatore con riguardo alla specificità che lo contraddistingue: basti pensare al fatto che i fondi c.d. “negoziali” sono il frutto di un’iniziativa sindacale, e il loro controllo e la loro gestione avvengono per mezzo di organismi a composizione paritetica che vedono al loro interno una componente sindacale. Al personale militare, come noto, non sono concessi i diritti sindacali e, data la natura non negoziale degli organi di rappresentanza, sorgono legittimi dubbi sulla loro incisività nella disciplina dei fondi pensione, tenendo conto oltretutto che alla Rappresentanza militare è in ogni caso preclusa un’attività di iniziativa autonoma. Oltre a ciò, con riferimento agli istituti che caratterizzano le Forze Armate nell’ottica di un transito alla previdenza complementare, non è chiara nemmeno quale sorte dovrebbero avere le Casse Ufficiali e Sottufficiali e i relativi contributi che vengono versati dai militari.

 E’ evidente quindi che le penalizzazioni interesseranno sia il personale giovane cui si applica interamente il sistema contributivo, e sia anche il personale più anziano, cioè quello soggetto al “sistema misto”, poiché, anche nel caso – assai poco probabile – in cui siano istituiti in breve tempo i fondi negoziali, riteniamo che tali soggetti non avranno comunque il tempo sufficiente a costruirsi una pensione integrativa che soddisfi a pieno la funzione complementare prevista dalla riforma (vedi quanto detto sulla capitalizzazione dei fondi pensione al precente punto 3). Evidentemente, più questi soggetti sono vicini alla maturazione dei requisiti previsti per la pensione, più basso sarà il rendimento dei contributi che verranno eventualmente versati ai fondi pensione.

 L’esercizio della facoltà di opzione per il passaggio al T.F.R. e alla previdenza complementare previsto dall’accordo quadro nazionale in materia di T.F.R. del pubblico impiego del 1999 (ARAN - organizzazioni sindacali), è stato oltretutto spostato con un successivo accordo al 31/12/2010.

 In conclusione, ciò che emerge oggi è che, a distanza di oltre 20 anni dalla riforma del 1995 che ha imposto il nuovo regime previdenziale (contributivo e misto), al militare non è data la facoltà di scegliere se transitare o meno alla previdenza complementare, beneficiando dei vantaggi e delle agevolazioni che sono garantiti anche con il trasferimento della buonuscita/t.f.r. al fondo prescelto.

Gli impedimenti e i ritardi hanno così determinato un danno rilevante dovuto a fattori che non dipendono dalla volontà degli interessati.

Alcuni soggetti politici, sulla spinta anche degli organi della rappresentanza militare, avevano tentato di risolvere il problema per via legislativa, chiedendo uno slittamento in avanti della data da cui far partire il calcolo contributivo (per far adottare in pratica il sistema pro-quota nei confronti di tutto il personale, e con la parte retributiva estesa fino alla data di approvazione della nuova legge). L’iniziativa non ha purtroppo trovato il consenso del Parlamento ed il tutto si è concluso con un nulla di fatto.

 Per tutto quanto sopra esposto, con il presente ricorso si chiederà - per i militari aventi un’anzianità contributiva inferiore ai 18 anni al 31/12/1995 e per gli arruolati a partire dal 01/01/1996 - il riconoscimento del diritto al sistema previdenziale retributivo ovvero l’applicazione di un regime misto che preveda il sistema retributivo fino a quando sarà disciplinata e avviata la previdenza complementare per il personale militare.

 Con la presente nota, si ribadisce che tale ricorso è destinato esclusivamente al personale militare, in quanto è stato specificamente studiato e predisposto per tale categoria di lavoratori.

 

6. CHI PUO' ADERIRE AL RICORSO

 Possono aderire i militari delle Forze Armate e della Guardia di Finanza in servizio permanente, Ufficiali (inclusi i dirigenti e gli omogeneizzati), Sottufficiali e Volontari che sono in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • Anzianità contributiva (servizio anni effettivi + anni figurativi) inferiore a 18 anni alla data del 31/12/1995 (personale assoggettato al sistema previdenziale misto - retributivo/contributivo -);
  • Militari assunti a partire dalla data del 01/01/1996 (personale assoggettato interamente al sistema previdenziale contributivo).

Coloro che hanno già aderito ai precedenti ricorsi Sideweb;

- se hanno presentato l'istanza di fissazione udienza e per evitare la perenzione quinquennale non devono aderire al presente ricorso;

- se hanno proposto opposizione al giudizio di opposizione al decreto di perenzione non devono aderire al presente ricorso;

- se non hanno presentato istanza di fissazione udienza per evitare la perenzione o non hanno partecipato al giudizio di opposizione al decreto che ha dichiarato estinzione di giudizio per perenzione POSSONO ADERIRE AL RICORSO CON SOLI EURO 25 VEDI IL SEGUENTE LINK

7. LE MODALITA' DI ADESIONE ON-LINE AL RICORSO

 Gli interessati potranno aderire al ricorso solamente con la procedura online seguendo le seguenti modalità:

  a. Aggiungi a carrello

  b. Dopo aver effettuato il pagamento riceverai subito una e-mail con le istruzioni e i documenti da scaricare (con il pagamento con carta di credito anche prepagata riceverai immediatamente la e-mail con le istruzioni, mentre in caso di pagamento con c.c.b. le istruzioni di verranno spedite dopo qualche giorno non appena la Sideweb avrà verificato il pagamento  c. Dovrai quindi scaricare i moduli compilarli e inviare il tutto all'indirizzo che ti verrà indicato nelle istruzioni;

8. TERMINE ULTIMO PER ADERIRE AL RICORSO

 Le istanze di adesione, complete dei documenti previsti, dovranno pervenire presso il recapito postale indicato nella e-mail istruzioni che riceverete dopo aver terminato la procedura on line, entro e non oltre la data del  31 GIUGNO 2017.

9. MODIFICHE E/O AGGIORNAMENTI

Le informazioni relative alla presente iniziativa legale, possono essere integrate con modifiche e aggiornamenti che verranno indicati sul sito web www.sideweb.it.  

Condizioni

Condizioni

Termini Contrattuali

Questo servizio è subordinato alle seguenti condizioni di adesione: vedi termini e condizioni voce:

14. CONDIZIONI GENERALI CONTRATTO RICORSO COLLETTIVO AL T.A.R.

 

RACCOMANDAZIONE:

L'adesione al servizio è condizionata alla correttezza dei dati che l'utente inserisce nella procedura di acquisto.

I documenti e istruzinoi di adesione verranno spediti all'indirizzo che l'utente indicherà nella procedura di adesione al servizio.

Per eventuali problemi potete contatrci al numero unico ricorsi dal lunedì al venerdì – dalle 09.00 – alle 12.00 – Tel. 3938279149.

 

 

Istruzioni

Gestione dei rapporti con la Sideweb - Segnalazioni e relcami - Area clienti -

  • Per acquistare il servizio ti verrà chiesta una semplice procedura di registrazione in cui dovrai inseire i tuoi dati personali.

  • Prendi nota della e-mail e password con cui ti sei registrato ti serviranno per accedere all'area clienti.
  • Con la e-mail e la password che hai inserito in fase di registrazione potrai accedere all'area clienti, ossia la tua pagina web riservata e personale, attraverso la quale potrai comodamente aggiornare i tuoi dati e comunicare con il servizio clienti della società, segnalare eventuali richieste di informazioni, reclami e tenerti informato sui servizi che hai acquistato.

  • Le e-mail che ti vengono spedite al momento dell'acquisto dei servizi/prodotti sideweb sono gestite da un sistema automatico e  non possono essere utilizzate per le comunicazioni da inviare alla società.
  •  Ogni comunicazione o richiesta fatta alla società dovrà essere effettuata attraverso l'area clienti, la tua pagina personale e riservata, avrai così a disposizione lo strorico delle comunicazioni relative ai servizi richiesti e alle eventuali richieste di assistenza.

 

Pagamenti e Spedizioni

Informazioni Pagamenti e Spedizioni

Condizioni valide solo per prodotti e servizi Sideweb

(per le CONVENZIONI i costi e i tempi dei servizi sono stabiliti dai partner commerciali vedi condizioni modulo contatti)-



Le modalità di pagamento dei servizi e prodotti Sideweb sono le seguenti:

1

Carta di credito
Carte di credito

2

Bonifico bancario

3

Conto corrente postale


Nota informativa:

il pagamento con carta di credito è immediato e riduce i tempi di accesso ai servizi o di spedizione dei prodotti Il pagamento con bonifico bancario o conto corrente postale ha tempi più lungi un quanto l’accesso ai servizi o la spedizione dei prodotti avverrà solo dopo che Sideweb avrà ricevuto vie e-mail la prova del versamento e avrà provveduto alla verifica della medesima.


 

I tempi di spedizione e accesso ai servizi sono i seguenti:

a

Tempi di accesso al servizio
preventivo consulenza scritta (*) :

  • 3-15 giorni lavorativi per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-15 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

b

Tempi di accesso al servizio
consulenza scritta (*):

  • 15-30 giorni lavorativi dal giorno dell’accettazione preventivo per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 15-30 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

c

Tempi di accesso al servizio
consulenza telefonica CALL ONE (*):

  • 3-7 giorni lavorativi dal giorno dell’accettazione preventivo per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-7 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

d

Tempi di accesso al servizio
consulenza telefonica NO LIMITS (*):

  • 3-7 giorni lavorativi dal giorno dell’accettazione preventivo per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-7 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

e

Tempi di spedizione
libri formato elettronico (*):

  • Download immediato dopo l’acquisto per le versioni PDF per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 2-3 giorni lavorativi (invio via e-mail) per le versioni EPUB per pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 2-3 giorni lavorativi (invio via e-mail) da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

f

Tempi di spedizioni
libri formato cartaceo (*):

  • 3-7 giorni lavorativi per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-7 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

g

Tempi di spedizione
pen drive USB slim – Banca dati Normativa – (*):

  • 3-7 giorni lavorativi per i pagamenti effettuati con carta di credito;
  • 3-7 giorni lavorativi da quando Sideweb riceve la prova del pagamento per i pagamenti effettuati con bonifico bancario o conto corrente postale;

h

Tempi di accesso al servizio
PERENZIONE e RICORSI:

  • Per il servizio perenzione vedi le condizioni particolari riportate nelle condizioni generali del contrato vedi termini e condizioni voce perenzioni e voce ricorsi.

(*) NOTA INFORMATIVA:per i tempi di accesso alle consulenze scritte e telefoniche vedere le condizioni generali del servizio. Per i prodotti editoriali soggetti a consegna i tempi possono subire un differimento nei casi in cui è in corso una revisione e aggiornamento delle pubblicazioni ovvero nei periodi festivi.